La Nuova Nascita
Autor: Anonim  |  Album: fara album  |  Tematica: Doctrina
Resursa adaugata de vladsitaru in 02/10/2022
    12345678910 0/10 X

Nascere di nuovo o ricevere la cittadinanza nel Regno di Dio è l’evento più grande che possa verificarsi nella vita di una persona. Nascere di nuovo è obbligatorio per entrare nel Regno di Dio. (In verità vi dico che se uno non nasce di nuovo, non può vedere il Regno di Dio. Giovanni 3:3)

La Parola di Dio ci dice che la nuova nascita è una nascita spirituale, in cui l’uomo nasce da Dio. (Non da sangue, né da volontà di carne, né da volontà di uomo, ma da Dio). Giovanni 1:13)

Come ogni nascita biologica si basa su un seme, così la Parola di Dio ci parla della nuova nascita. Essa si basa su un seme, e questo seme è il seme di Dio! (Chiunque è nato da Dio… il suo seme rimane in lui. 1 Giovanni 3:9)

Il primo capitolo del Vangelo di Giovanni identifica Dio come una cosa sola e la sua Parola. (In principio era il Verbo, e il Verbo era con Dio, e il Verbo era Dio. Giovanni 1:1) Il Signore Gesù è anche descritto come il Verbo incarnato e come una cosa sola con il Padre. (Il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi… Giovanni 1:14; Io e il Padre siamo una cosa sola. Giovanni 10:30)

L’apostolo Pietro dice che il seme da cui avviene la nuova nascita è la Parola di Dio. (Siete nati di nuovo, non da un seme corruttibile, ma incorruttibile, per mezzo della Parola di Dio. 1 Pietro 1:22-23) Lo stesso Signore Gesù descrive la Parola di Dio come il seme. (Il seme è la Parola di Dio. Luca 8:11).

Se Dio è identificato come la Parola e la Parola è descritta come il seme da cui l’uomo rinasce, allora è estremamente importante sapere cosa contiene questo seme. Dobbiamo sapere cosa è incorporato nel suo codice genetico, per capire da cosa germoglia questa nuova vita.

Come nel seme biologico non troviamo gli occhi, il cuore, il naso, ma solo le cellule corrispondenti alla loro formazione, così nel seme di Dio non troveremo l’Immagine di Dio, ma il codice genetico corrispondente alla sua formazione in noi.

Questa verità è molto importante per capire come avviene la nuova nascita e perché dobbiamo nascere dalla Sua Parola. In noi deve nascere la Parola o le Sue leggi, per crescere, affinché alla fine si arrivi ad avere l’Immagine di Cristo in noi. (Figlioli miei, per i quali sento di nuovo i dolori del parto, finché Cristo non prenda l’immagine in voi! Galati 4:19)

Se cerchiamo con attenzione nella Scrittura, vedremo facilmente cosa sono queste parole: “Io metterò (seminerò) le mie leggi nel loro cuore e le scriverò nella loro mente”. (Ebrei 10:16); “… la luce del vangelo della gloria di Cristo, che è l’immagine di Dio”. (2 Corinzi 4:4) Così Dio semina nel cuore dell’uomo la Parola di Cristo/Le sue leggi, che crescono fino a maturare il frutto dello Spirito/l’immagine di Cristo.

Per esempio, nella configurazione del seme di Dio troviamo l’insegnamento: “Non resistere a chi ti fa del male”. Questo insegnamento crescerà attraverso lo Spirito Santo e si svilupperà nella pazienza, che fa parte dell’immagine di Dio.

Un altro esempio di insegnamento che troviamo nel codice genetico del seme di Dio è “pagare le tasse, perché i governanti sono servi di Dio e fanno questo servizio senza sosta”. Questo insegnamento, in obbedienza allo Spirito, ci aiuterà a crescere nella rettitudine.

Non illudiamoci di pensare che sia sufficiente credere solo nel sacrificio del Signore Gesù. Senza ricevere il Suo seme o la Sua Parola non ci sarà un uomo nuovo. Questa fede è morta e non ci salva.

Come alla nascita di una pianta partecipano naturalmente tre elementi principali: la terra, il seme e l’acqua, così nella nuova nascita troviamo tre elementi principali: il cuore umano, la Parola di Cristo e lo Spirito Santo.

Il cuore umano assomiglia alla terra. (Il seme caduto sul buon terreno sono coloro che, di buon cuore e onesti, dopo aver ascoltato la parola, la conservano e portano frutto con pazienza). Luca 8:15)

La Parola di Cristo/I suoi insegnamenti è il seme da cui germoglia la vita. Da questo seme germoglia una nuova vita e ha nella sua composizione gli elementi da cui cresceremo per raggiungere la statura di un uomo maturo. (Metterò le mie leggi (seme) sul loro cuore, e sulla loro mente le scriverò. Ebrei 10:16)

Attenzione! Non confondiamo la Parola di Cristo, che è il Seme di cui le Scritture ci dicono che doveva venire, con la Legge di Mosè, che fu data a causa dell’illegalità. (Perché la Legge allora? È stata aggiunta a causa dell’illegalità fino a quando non sarebbe venuto il seme a cui era stata fatta la promessa. Galati 3:19)

Lo Spirito Santo è il terzo elemento necessario. Come il seme biologico non germoglia se non ha l’acqua, così il seme di Dio non germoglia senza lo Spirito Santo. (… mediante il rinnovamento dello Spirito. Tito 3:5; … nati dallo Spirito. Giovanni 3:8).

Terra/Cuore umano
Nella parabola del seminatore ci sono quattro tipi di terreno:

 

  1. Quelli che ascoltano la Parola del Regno e non ci credono, perché non la capiscono. In questo caso la terra è solida come una roccia, il cuore è indurito. (Matteo 13:19; Luca 8:12)
  2. Coloro che ascoltano la Parola del Regno e la ricevono per qualche tempo. (Il seme cadde su un terreno roccioso. Matteo 13:20)
  3. Coloro che ascoltano la Parola del Regno e la ricevono, ma le preoccupazioni dei nostri giorni… (Il seme caduto tra le spine. Matteo 13,22)
  4. Coloro che ascoltano la Parola del Regno e la ricevono di buon cuore. L’ultimo caso ci mostra un terreno chiaro e pulito. (Il seme che cadde su un buon terreno. Matteo 13:23)

     

Nella prima categoria di persone, il cuore è indurito e il seme non germoglia. Nella seconda e terza categoria di persone troviamo tutti gli elementi necessari per la germinazione. Sono presenti il terreno, il seme e lo Spirito Santo, che produce la germinazione della nuova vita.

Tuttavia, nella seconda categoria, il terreno non ha abbastanza terra per portare la nuova vita a frutto/maturità; e nella terza, il terreno non è preparato/pulito. La quarta categoria è un cuore buono che riceve il seme seminato dentro di sé e che poi, attraverso il rinnovamento e l’opera dello Spirito, cresce e porta il frutto dello Spirito.

Se le Scritture ci parlano di molti tipi di terreno, dobbiamo indagare su noi stessi per vedere che tipo di terreno siamo. (Coltivate un nuovo campo e non seminate tra le spine, Geremia 4:3).

 

image-1. png

Un’illustrazione del seme di Dio completo e inalterato, dal quale si può nascere di nuovo.

 

Come sappiamo, l’embrione umano comprende in sé tutte le cellule che formeranno il futuro uomo che ne nascerà: il cuore, gli occhi, il cervello… Tutto è codificato su scala microbiologica e viene messo insieme senza perdere alcun dettaglio.

 

Vedremo che questo è anche il caso del seme di Dio. Tutti i componenti primari dell’immagine di Dio sono inclusi in questo seme divino. (… l’uomo nuovo, fatto a immagine di Dio. Efesini 4:24) Ha nella sua composizione tutte le informazioni genetiche/Legge del Regno, ovvero i comandamenti di Cristo. Ogni insegnamento di Cristo è una componente primaria dell’immagine del Signore. (… la luce del vangelo della gloria di Cristo, che è l’immagine di Dio. 2 Corinzi 4:3)

Dio pianta nei nostri cuori il Seme “che doveva venire”/la Parola di Cristo, ovvero riscrive la configurazione genetica della sua immagine. (Metterò le mie leggi nel loro cuore e le scriverò nella loro mente. Ebrei 10:16)

Di seguito sono riportate alcune informazioni/insegnamenti genetici del Regno che si trovano nella configurazione del Seme di Dio:

  1. Non resistere a chi ti fa del male. (Matteo 5:39)
  2. Chi vuole farti causa e prenderti il cappotto, lasciagli anche la camicia. (Matteo 5:40)
  3. Non giudicate, per non essere giudicati. (Matteo 7:1)
  4. Date a Cesare quello che è di Cesare. (Luca 20:25)
  5. Fate attenzione a non calunniare. (Matteo 18:10)
  6. Se qualcuno vuole farti causa per il tuo cappotto, dagli anche la tua camicia. (Luca 6:29)
  7. Benedite coloro che vi maledicono. (Matteo 5:44)


Lo Spirito Santo farà germogliare questo seme che è stato piantato in noi; più precisamente, farà germogliare ogni insegnamento e lavorerà per la nostra crescita e perfezione. Esempio: L’insegnamento della non resistenza viene seminato in noi e produrrà, attraverso lo Spirito Santo, i suoi rispettivi frutti: pace, pazienza abbondante, benevolenza, bontà. (Siamo trasformati a Sua immagine, di gloria in gloria, dallo Spirito del Signore. 2 Corinzi 3:18; Il Consolatore, lo Spirito di verità, vi guiderà in tutta la verità. Giovanni 16:13)

Tutti gli insegnamenti del Signore sono essenziali, fanno parte della “materia prima” di cui è fatto il prodotto finito. Nessun insegnamento può essere messo da parte. Ognuno di essi è una cellula primaria, come le cellule dell’embrione umano, che crescendo diventerà parte dell’immagine del Signore; nessuno è posto nel seme senza uno scopo.

Ogni insegnamento contribuisce alla formazione dell’immagine di Cristo in noi. Lo Spirito Santo non ci lascerà soli e lavorerà con noi durante la nostra crescita. Non illudiamoci: Dio non ci accoglierà nel suo Regno eterno solo sulla base di una fede mentale nel sacrificio del Signore, come molti credono, ma dobbiamo nascere di nuovo dal suo seme e crescere fino alla statura della pienezza in Cristo, come è scritto. (… finché tutti giungiamo alla statura dell’uomo maturo, alla misura della statura che appartiene alla pienezza di Cristo. Efesini 4:13)

Chiediamoci: cosa succederebbe se spezzassimo il seme in pezzi più piccoli e ne togliessimo alcuni insegnamenti? Potremmo ancora parlare di una nascita da Dio? Immaginiamo cosa accadrebbe se frammentassimo un pezzo di un seme biologico. Se togliessimo le cellule che corrispondono al fegato, al cuore o al cervello, ci sarebbe ancora una nascita? La vita germoglierebbe da quel seme?

È fondamentale capire che se non accettiamo il regno di Cristo in tutte le cose, non ricevendo tutto ciò che Egli ha detto, il seme non sarà intero e non germoglierà. (Quando qualcuno ascolta la Parola del Regno e non la comprende, arriva il maligno e porta via ciò che è stato seminato nel suo cuore. Questo è quello che rappresenta il seme seminato lungo la strada. Matteo 13:19)

Se disobbediamo a un solo comandamento, lo Spirito non potrà usare quell’insegnamento per completare la sua immagine in noi/il frutto dello Spirito. (L’obiettivo dei comandamenti/insegnamenti del Vangelo è l’amore. 1 Timoteo 1:5).

Se non riceviamo gli insegnamenti del Signore riguardo alla resistenza, al giudizio, al rinnegamento di sé, alla benedizione degli altri… il seme non conterrà tutto ciò che è necessario per la germinazione della vita celeste. Dio rinnova attraverso lo Spirito solo coloro che gli obbediscono. (Noi siamo testimoni di queste cose, così come lo Spirito Santo che Dio ha dato a coloro che lo ascoltano. Atti 5:32; … mediante il rinnovamento dello Spirito. Tito 3:5)

Di seguito sono riportati alcuni insegnamenti che mancano nel cuore di molti, che non sono accettati nemmeno dai tanti che dichiarano e credono di essere “nati di nuovo”.

 

  1. Date a Cesare ciò che è di Cesare. (Luca 20:25)
  2. Non resistere a chi ti fa del male. (Matteo 5:39)
  3. Benedite chi vi maledice. (Luca 6:28)
  4. Se dunque io, vostro Signore e Maestro, vi ho lavato i piedi, anche voi dovete lavarvi i piedi gli uni gli altri (Giovanni 13:14).

     

Riflessione personale: Questi insegnamenti sono troppo per voi? È troppo per voi sopportarli? (Molti… dopo aver sentito queste parole, hanno detto: “Quello che dice è troppo da sopportare. Chi può sopportarlo?”. Giovanni 6:60)

Dobbiamo capire che non sarà possibile nascere di nuovo da Dio se non rispettiamo le leggi del Regno/la Parola di Cristo che è piantata nei nostri cuori. (Accogliete con benevolenza la Parola piantata in voi, che può salvare le vostre anime. Giacomo 1:21; … metterò le mie leggi nei loro cuori. Ebrei 10:16)

image. png

Illustrazione di un seme il cui contenuto è stato modificato, dal quale non si può rinascere.

Nessun insegnamento può essere messo da parte. Ognuno ha il suo scopo, nessuno è stato dato a caso. Alcuni servono a preparare/pulire il terreno da cose come il giudizio, la condanna degli altri, i desideri della carne, la concupiscenza degli occhi… e altri servono a ottenere pazienza, gentilezza, pace, amore in abbondanza…

Solo osservando i comandamenti di Cristo potremo spogliare l’uomo vecchio dei suoi vizi e rivestirci dell’uomo nuovo, fatto a immagine di Dio. (Rivestitevi dell’uomo nuovo, fatto a immagine di Dio. Efesini 4:24).

L’abito dell’uomo nuovo deve avere nel suo tessuto la bontà, la pazienza, la gentilezza, l’amore… (Rivestitevi di un cuore pieno di misericordia, di bontà, di umiltà, di mansuetudine, di pazienza abbondante. Ma soprattutto vestitevi di amore… Colossesi 3:12,14) Questa è la veste nuziale (le responsabilità dell’uomo nuovo) che devo indossare per essere come il Signore Gesù Cristo.

Nei prossimi paragrafi, a scopo di autoapprendimento e di autoriflessione, tratteremo in modo più approfondito il tema della “diffamazione” e della “benedizione”. Prenderemo alcuni comandamenti che ci aiuteranno a eliminare il giudizio, la condanna e la calunnia dalla nostra vita, così come alcuni altri insegnamenti che porteranno con sé nella nuova vita: benedizione, gentilezza, pace…

Denigrare gli altri/la maldicenza è una delle cose completamente vietate nel Regno di Dio. Se guardiamo gli angeli che sono alla presenza di Dio, non osano infrangere la legge del Regno riguardo al giudizio e alla calunnia. Non osano giudicare nemmeno Satana, e ancor meno pronunciare un rimprovero contro di lui. (Eppure l’arcangelo Michele, quando lottò con il diavolo per il corpo di Mosè, non gli rivolse un’accusa infamante, ma disse: “Il Signore ti rimprovera!”). Giuda 1:9; mentre gli angeli, che sono più grandi in potenza e forza, non portano contro di loro accuse infuriate davanti al Signore. 2 Pietro 2:11).

Possiamo notare che è nella nostra natura giudicarci l’un l’altro, condannarci l’un l’altro e poi parlare negativamente di colui che giudichiamo. La maggior parte delle persone rientra nella categoria di coloro che vengono giudicati, a partire da quelli della nostra famiglia fino a quelli che ci governano. Molti di noi si giustificano con questa affermazione: “Ma quando parlo male di qualcuno, dico solo la verità”. Tuttavia, le Sacre Scritture ci vietano di parlare male di qualcuno. (Ricorda loro di non parlare male di nessuno. Tito 3:2).

Per osservare quanto siamo influenzati dalla maldicenza, dobbiamo esaminare noi stessi nel dettaglio. Controlliamo noi stessi per alcuni giorni di seguito e annotiamo su un quaderno, alla fine di ogni giornata, le persone di cui abbiamo parlato male. Questo esperimento ci mostrerà dove siamo veramente. Se avete intenzione di controllarvi onestamente, potreste rimanere sorpresi nel constatare che la vostra vita è dominata da pensieri e discorsi malvagi.

Dobbiamo notare che anche prima di parlare male di qualcuno, facciamo molte cose che altrimenti non si notano. Se non vi prestiamo molta attenzione, esse ci porteranno inevitabilmente alla diffamazione.

Prima di parlare male di qualcuno, la prima cosa che facciamo è giudicare quella persona, ignorando il comandamento di non giudicare nessuno. (Non giudicate e non sarete giudicati. Luca 6:37) Molte volte ci rivolgiamo a un altro amico per rafforzare il nostro giudizio. La seconda cosa che viene dopo un giudizio è la condanna, che arriva perché disobbediamo a un altro comandamento del Signore. (Non condannate, perché non siate condannati. Luca 6:37) Una terza cosa è il perdono. (Perdonate e sarete perdonati. Luca 6:37) Se uno ha motivo di lamentarsi con un altro, si perdoni a vicenda. Colossesi 3:13)

E poi, perché il peccato sia il più completo possibile, si trascura il comando del Signore sul parlare male. (Se ci esaminiamo con sincerità, scopriremo che la maggior parte di noi, non appena ne ha l’occasione, parla male di coloro che ha giudicato e condannato.

Trasmettiamo la nostra amara invidia agli altri, che a loro volta la trasmettono, infangando così molti. Tuttavia, “Chi calunnia il suo prossimo è uno sciocco”. (Proverbi 11:12)

Per ereditare il Regno di Dio, dovremo rinunciare a questo grave peccato, ripulire il nostro terreno, eliminarlo dal nostro cuore, poiché sappiamo che i maldicenti non erediteranno il Regno di Dio. (1 Corinzi 6:10)

Non ci riusciremo comunque se prima non rinunciamo al giudizio, alla condanna e se non impariamo a perdonare chi ci fa del male. (Sopportatevi a vicenda, perdonandovi a vicenda, chiunque abbia da ridire su qualcuno; come il Signore vi ha perdonato, così fate anche voi. Colossesi 3:13)

Per chi vuole vivere nel Regno di Dio, un’altra cosa essenziale da fare è rompere ogni amicizia con coloro che praticano la diffamazione, anche se sono fratelli o sorelle della comunità. (Non avere legami con chi, pur chiamandosi “fratello”, è… un calunniatore. 1 Corinzi 5:11,13) Dobbiamo farlo perché questo peccato contamina come una peste. (Le azioni cattive rovinano le buone abitudini. 1 Corinzi 15:33: “Uscite di mezzo a loro e separatevi da loro, dice il Signore; non toccate ciò che è impuro e io vi accoglierò”. 2 Corinzi 6:17)

La benedizione è una delle cose superiori preparate da Dio per farci camminare. (Se siete risorti con Cristo, continuate a cercare le cose di lassù, dove si trova Cristo; fissate la vostra mente sulle cose di lassù, non su quelle della terra. Colossesi 3:1)

La benedizione è il contrario della calunnia. La benedizione esclude la calunnia e viceversa, non saremo in grado di mantenerle entrambe. (Dalla stessa bocca escono sia la benedizione che la maledizione! Fratelli, non può essere così! L’acqua dolce e l’acqua amara sgorgano forse dalla stessa fonte? Giacomo 3:10)

Per benedire, dobbiamo pulire la terra dal peccato di parlare male; non seminiamo la benedizione tra le spine della maldicenza. (Coltivate un nuovo campo e non seminate tra le spine! Geremia 4:3) Dovremo essere guidati dallo Spirito Santo e osservare i comandamenti del Signore riguardanti la benedizione. Eccone alcuni:

  1. Amate i vostri nemici, benedite quelli che vi maledicono, fate del bene a quelli che vi odiano e pregate per quelli che vi maltrattano e vi perseguitano. (Matteo 5:43)
  2. Benedite coloro che vi perseguitano. (Romani 12:14)
  3. Benedite, perché siete stati chiamati a questo. (1 Pietro 3:9)
  4. Non resistete a chi vi fa del male. Chiunque voglia farvi causa per il vostro cappotto… (Matteo 5,39-41) Perdonate e vi sarà perdonato. (Luca 6:37)


Saremo in grado di benedire solo se smetteremo di calunniare. Dovremo lasciare andare la rabbia, il giudizio, smettere di condannare, smettere di opporci a chi ci fa del male, essere disposti a permettere a chi prende le cose con la forza, perdonarlo e, se ha fame, dare da mangiare anche al nostro nemico…

L’atteggiamento di benedire anche chi ti perseguita non è nella natura dell’uomo naturale, non viene attraverso l’io, ma solo osservando la Parola di Cristo.

Questo tipo di atteggiamento verso chi ci fa del male è strettamente legato a quell’amore che non ha raggiunto la mente umana. Il vecchio “uomo” non farà mai una cosa del genere, perché per lui è una follia e un’assurdità.

Se ci esaminiamo sinceramente, molti di noi scopriranno che non hanno imparato a parlare bene e che (forse) non hanno mai benedetto chi li ha feriti. Scopriranno di non aver osservato i comandamenti relativi al parlare male, né il comandamento della benedizione. (Amate i vostri nemici, benedite coloro che vi maledicono. Matteo 5:43-44).

Verificate voi stessi: Benedici o calunni? Non illudetevi di poter benedire pur essendo arrabbiati, giudicando, condannando… Queste cose vi causeranno solo disordini, insieme al parlare male e alla calunnia, non la benedizione. (Giacomo 3:16)

Ponetevi le domande più serie: Il seme che è stato seminato nel vostro cuore è il seme di Dio? Avete ricevuto i comandamenti/le leggi del Signore riguardo alla diffamazione/benedizione? Se li avete ricevuti, li state osservando? Hanno portato frutto? Esaminatevi a fondo per una o due settimane e vedrete dove siete.

Esaminatevi attentamente: Quando parlate male, siete rimproverati dallo Spirito Santo? Analizzate voi stessi se vivete la nuova vita a cui siete stati chiamati, perché molti di noi sono chiamati a benedire, ma pochi lo fanno. (Benedite, perché a questo siete stati chiamati, per ereditare una benedizione. 1 Pietro 3:9)

Se parlate male del governo, di chi fa politica, delle persone del sistema sanitario pubblico, dei vicini di casa… e di chi vi fa del male in un modo o nell’altro, significa che le cose non sono ancora avvenute, significa che la nuova vita non è iniziata! (Se uno è in Cristo, è una nuova creatura: le cose vecchie sono passate; ecco, sono diventate nuove; e tutte queste cose sono da Dio. 2 Corinzi 5:17-18)

Dobbiamo capire che per l’uomo che è nato dall’alto, da Dio, la diffamazione o qualsiasi altro peccato sono solo incidenti, non uno stile di vita! (Chi è nato da Dio non pecca. 1 Giovanni 3:9)

Il Signore Gesù ci dice che solo se odiamo il vecchio “uomo”, se abbandoniamo le vecchie cose, solo allora potremo iniziare una nuova vita nel Regno di Dio, e questa sarà una vita di discepolato/schiavitù verso di Lui. (Se uno viene a Me e non odia… anche la sua stessa vita, non può essere mio discepolo). Luca 14:26)

Il Signore entrerà con noi nella Nuova Alleanza solo quando rinunceremo alla nostra volontà e lo accetteremo come nostro Maestro, obbedendo ai suoi insegnamenti. Da questo momento inizia la nuova vita, una vita di discepolato. Diventiamo suoi discepoli dal giorno in cui lo accettiamo in tutto come Maestro e Signore.

Questo è il momento in cui Dio inizia la sua opera di perfezione e la porterà a termine solo se noi gli resteremo fedeli. (Sono fiducioso che Colui che ha iniziato in voi quest’opera buona la porterà a termine. Filippesi 1:6)

Essere discepoli di Cristo significa essere iscritti alla sua scuola, imparare da lui le cose nuove che vengono dall’alto e assimilarle, poiché sono strettamente necessarie per la nostra vita nel Regno. Diventiamo suoi discepoli fin dal primo giorno di scuola, dal primo giorno della nuova vita.

Alla scuola di Cristo, siamo schiavi di Dio, siamo sottomessi a Lui in tutto, per raggiungere la nostra santificazione. (Siete diventati schiavi di Dio, il vostro frutto è la santificazione e il fine è la vita eterna. Romani 6:22) Nascere di nuovo è l’inizio della vita del discepolo. Il risultato del discepolato di Dio e dell’opera dello Spirito è l’immagine di Dio in noi.

Questo è un estratto di studio dall'opuscolo Nascere di Nuovo. Per leggerlo online clicca qui.

 

 

Până în acest moment nu au fost adăugate comentarii.
Statistici
  • Vizualizări: 71
Opțiuni